Vuoi separarti meglio?
8 agosto 2017
“Chi paga i libri scolastici?”
26 settembre 2017

Tra moglie e marito la legge ha messo un dito

Vaccini obbligatori,Separazioni,disaccordo in materia di vaccini

Con questo articolo ti farò uscire dallo stato confusionale in cui ti trovi a causa delle questioni con il tuo ex che vuole vaccinare tuo figlio mentre tu non vorresti o non ne sei sicuro.

Da giorni è il nuovo tormentone per me. "Lui vuole vaccinare io no!" O viceversa "lei vuole vaccinare e io no". A me non stupisce più di tanto, anzi rappresenta una questione normalissima e che scaturisce da questo nuovo sistema di cose che ha posto la legge sull'obbligatorietà dei vaccini. Se consideri che la nazione è spaccata sul tema fra le due fazioni "vaccini si, senza dubbio" e "vaccini NI, vediamo un po'", vuoi che la questione non si rispecchi anche nel ménage familiare? . Attenzione io qui parlerò dei genitori separati, ma il fatto crea accese discussioni anche fra quelli che stanno insieme. Cioè fra questi c'è sempre quello che vorrebbe rispettare la legge e, siccome si informa poco e male pensa che la legge preveda di fare il vaccino. STOP. Nessuna eccezione niente di niente. E invece come saprai non è proprio così. Lo sai, giusto? Te lo ricordo.. La legge prevede dei casi di esonero dai vaccini ed in particolare se 1) il pediatra ti certifica che tuo figlio non li deve fare perchè la propria storia personale non glielo consente; 2) tuo figlio si è immunizzato a prescindere dai vaccini (ad esempio ha già avuto il morbillo oppure ha sviluppato gli anticorpi giusti) 3) tuo figlio non risulta vaccinabile perché altrimenti il proprio stato di salute è a rischio. Questo lo puoi scoprire anche con apposite indagini seriologiche. Spesso fra i genitori c'è quello che ha paura e vorrebbe accertare lo stato di salute del figlio e quello che "se la legge dice questo, si fa..mica vorrai che nostro figlio venga escluso da scuola oppure contaminato??" Altro errore che sottolineo perché non tutti hanno ancora chiaro il fatto che la scuola elementare, cioè quella dell'obbligo, non è PIÙ a rischio. Lo era fino a qualche mese fa, ora grazie alla conoscenza ed alla giusta comunicazione non lo è più. Al limite non ti ammettono il figlio al nido e alla materna, ma pure questo, SEMBRA per ora un rischio scongiurato o quantomeno rinviato a marzo 2018. La differenza è che mentre fra due genitori in pace la cosa si chiude solitamente con una bella discussione ed un accordo finale, tra due genitori separati, in lite, che non hanno buoni rapporti o che non comunicano bene fra loro, la questione può degenerare al punto di finire in tribunale.
Ti racconto la storia inventata (non tanto) di Filippo e Filippa (per non dire Tizio e Caio che ormai mi hanno scocciata). Filippo vuole vaccinare mentre Filippa non vuole perché lo ritiene pericoloso per il figlio. Fino a quando erano insieme e vivevano sotto lo stesso tetto, Filippo la pensava come la compagna e infatti il figlio ha compiuto 6 anni e non ha tutti i vaccini, solo l'esavalente del primo anno di vita. Adesso però i due sono separati e poi c'è la legge e Filippo ha cambiato idea. Lo vuole vaccinare.
Che si fa? Ovviamente qualcuno dovrà decidere per loro se non trovano un accordo pacifico e questo qualcuno è ovviamente il giudice civile. Ma lui prenderà solo la decisione finale. Indovinate sulla base di cosa? Del proprio libero arbitrio? Assolutamente. Non può farlo. Quindi nominerà un consulente, cioè un medico, e gli scaricherà la questione. Cioè un terzo (anzi un quarto) estraneo deciderà per i genitori del nostro esempio, se vaccinare o meno il figlio

[blockquoteSe sei in crisi di coppia e vuoi separarti senza danneggiare i tuoi figli e senza che il tuo patrimonio subisca perdite come un serbatoio bucato che fa acqua da tutte le parti, allora non solo dovrai leggere tutto fino alla fine, ma farai tesoro di queste parole e appena chiuso la pagina web del mio blog, cambierai atteggiamento e saprai cosa fare e chi cercare.[/blockquote]

Io capisco perfettamente cosa provi e cosa pensi. Continui a vivere con il tuo partner, dentro la stessa casa e continuate a fare le stesse cose di sempre ma il vostro livello di tolleranza è molto più basso. Magari ancora avete forza e passione di litigare e lo fate spesso davanti ai vostri figli che assistono alle vostre discussioni e non sanno bene cosa dire e cosa fare. E poi dopo mezz'ora stai malissimo perché "non avresti dovuto davanti a loro..loro non c'entrano". E non importa chi abbia torto o chi abbia ragione. Comunque la sensazione di malessere la provate entrambi. Ti senti schiacciato da un senso di impotenza ed hai paura. Qualunque cosa tu decida di fare, sai che soffrirai. Sai che dovrai rinunciare alle tue certezze, al tuo ruolo alle tue sicurezze. Come Atlante sopporta il peso del cielo e non può sottrarsi dal suo posto così tu credi di non poter sottrarti alle tue responsabilità senza soffrire o far soffrire i tuoi familiari. E quindi soffochi questa tua sofferenza. In cuor tuo sai che con il tuo partner è finita ma persisti perchè "devi essere responsabile" tutto crollerebbe se vi separaste. Sopratutto i tuoi figli. Come dirglielo? Come sopportare il loro sguardo? E poi "rimarrò povero/a a vita e tutti i miei sforzi si vanificheranno. Vivrò per versare il mantenimento e non potrò mai più godere del mio patrimonio".
Ma io ho detto prima: partiamo dal bene del bambino. E non sempre è così.. La cosa triste è che forse Filippo usa la questione per fare guerra a Filippa oppure per dimostrare che non è una buona madre, toglierle l'affidamento ed anche il mantenimento. Ecco una nuova forma di strumentalizzazione dei figli. Il vaccino obbligatorio come arma nei confronti del genitore. Ora io ti consiglio prudenza, dall'inizio alla fine, se il tuo ex vuole farti guerra su questo fronte. Rivolgiti ad associazioni serie e a professionisti specializzati oltre che "sensibilizzati" al tema i quali sapranno indicarti al meglio la via, perché è un terreno su cui muoversi cauti. Ciao e alla prossima! Mi trovi qui al mio nuovo sito 😉 http://www.separarsimeglio.it/ Ciao alla prossima. Continua a leggere nel mio blog